una galleria fotografica per raccontare la speleologia cmarese   Leave a comment

 

Grotte suggestive e splendide scenografie naturali: una galleria fotografica

per raccontare le uscite speleologiche del C.A.I. di C/Mare!

Un reportage curioso – vissuto in prima persona – per raccontare le attività speleologiche del Club Alpino Italiano (CAI) in quel di Castellammare del Golfo e precisamente in alcune delle grotte più suggestive ed affascinanti della provincia di Trapani. Così il golfo riesce a coniugare ed amalgamare, in un mix armonico, mare e montagna, attività subacquee e passeggiate speleologiche.

L’appuntamento col gruppo speleologico è previsto di mattina presto: la levataccia è giustificata dal fatto che la giornata all’interno di una grotta vola e il tempo non è mai abbastanza per soddisfare la sete di curiosità e per riuscire a raccontare quanto c’è da vedere, condividere ed apprezzare. L’idea di un team di giovani appassionati di speleologia di portare una sede del C.A.I. anche a Castellammare del Golfo (sottosezione del gruppo di Palermo) è stata una tra le più azzeccate.  Come recita l’articolo “1” dello Statuto del Club Alpino: “il gruppo ha per scopo l’alpinismo in ogni sua manifestazione, la conoscenza e lo studio delle montagne, specialmente di quelle italiane, e la difesa del loro ambiente naturale”. E le montagne del territorio che accoglie il golfo di C/Mare meritano studio, conoscenza, tutela e diffusione. Così si parte! Addosso una tuta, l’imbracatura classica dello speleologo, una bandana e il casco con la lampadina a batterie o con la fiamma alimentata da una pietra naturale che a contatto con l’acqua sprigiona gas, l’immancabile macchina fotografica, qualche barretta energetica se viene fame e la voglia di divertirsi e curiosare.

L’obiettivo sono le due grotte più affascinanti e maestose del luogo: l’abbisso dei cocci e il ramo dei laghi! Quest’ultimo ha un che di magico e suggestivo, definito “ramo dei laghi” per la presenza al suo interno di laghi che di inverno si riempono d’acqua e una pavimentazione di antiche rocce calcaree, che a contatto con la luce dei caschi brillano come fossero d’oro. Arrivare a raggiungere questo “tesoro” non è facile: si cammina parecchio e per entrare poi nella grotta, che si sviluppa per orizzontale, bisogna scalare una parete; ma la sana fatica che occorre per raggiungere quel silenzio vero, rilfessivo, millenario e le conformazioni rocciose (nelle foto alcuni esempi) costruite goccia a goccia, con secolare pazienza, in un lento gioco-forza tra l’acqua che sa farsi strada e la pietra che si arrende alla goccia, ripaga della sudata!

Entrando nel lungo e buio tunnel, gli speleologi chiedono a noi neofiti di toccare le conformazioni rocciose il meno possibile e di camminare lungo un sentiero tracciato, per evitare di inquinare quel patrimonio naturale creato con tanta pazienza. Effettivamente guardando la scenografia che ci circonda viene da riflettere: mentre fuori accade e accadeva di tutto, passavano fasi storiche, monarchie, dittature, guerre e quant’altro, tra gioie e dolori, lì dentro il tutto si muoveva con un orologio tutto suo, lento e isolato! Un posto che è sopravvissuto alla storia e che per questo provoca rispetto!

“Parlare del CAI – ci dice Salvatore Giallo, uno dei soci del Club Alpino – significa fare riferimento ad una serie di valori che, se non sono esclusivi, certamente ci contraddistinguono e ci qualificano: parliamo del rispetto e della tutela della montagna e della natura in generale, dell’amore per le cose semplici e per il prossimo, dello spirito di solidarietà e di amicizia; non facciamo politica, non difendiamo interessi se non quelli riconducibili ai valori appena citati. Abbiamo forse un difetto: quello di voler contagiare anche i pigri con il nostro entusiasmo per la natura, che realizziamo attraverso varie attività ( escursionismo, speleologia, lunghe camminate)”. In Italia il C.A.I. conta un numero spropositato di iscritti: più di 300.000, oltre ai curiosi e ai simpatizzanti che prendono parte ad alcune uscite senza iscriversi e quindi non vengono contabilizzati, ma che spesso ritornano per riprovare quelle adrenaliniche emozioni. Adesso il Club mira a coinvolgere i più giovani, puntando soprattutto sulle istituzioni scolastiche.  “Abbiamo l’obbligo – aggiunge Salvatore Giallo – di mantenere e divulgare il patrimonio di conoscenze e di esperienza che il CAI si è costruito in questi oltre 140 anni di vita e di tenere vivi gli ideali dei soci fondatori”.

Uscendo dalla grotta viene spontaneo chiedere come poter condividere tutto ciò, ci risponde Salvatore Giallo: “E’ possibile prendere parte alle uscite speleologiche, che sono quasi completamente gratuite (tranne un piccolo contributo per la manutenzione degli attrezzi e l’assicurazione, ndr). Alcuni consigli per chi vuole provare l’esperienza sono relativi all’abbigliamento, all’alimentazione e al comportamento per rendere sicure e piacevoli le passeggiate in montagna e l’ingresso nelle grotte. Attrezzatevi con scarpe da trekking, uno zaino possibilmente impermeabile, una tuta da mettere sotto l’imbracatura che è fornita dal Club. Occorre ricordare che durante un’escursione il consumo di calorie e la perdita di liquidi attraverso la sudorazione sono generalmente superiori alla media quotidiana. E’ pertanto importante garantire all’organismo un adeguato apporto idrico. Durante l’escursione è preferibile anche consumare piccoli e frequenti spuntini a base di frutta fresca o secca, pane, fette biscottate, biscotti, rimandando alla fine dell’escursione o alla sera un pasto completo. Come bevande sono consigliabili acqua, tè o succhi di frutta, mentre sono sconsigliate bevande gassate o alcoliche. Per finire c’è da ribadire che uno degli scopi principali del CAI è la tutela dell’ambiente in tutte le sue forme: l’educazione ed il rispetto nei suoi confronti saranno quindi indispensabili. In particolare dovranno essere rispettati gli animali, le piante, le aree coltivate che si attraversano per raggiungere la grotta. I rifiuti non dovranno essere abbandonati ma riposti in appositi sacchetti, che ognuno dovrà portarsi dietro, ed essere depositati nel più vicino cassonetto al ritorno. Sarà inoltre indispensabile che ogni partecipante si attenga ai consigli e alle disposizioni degli accompagnatori”.

Per contattare la sottosezione di C/Mare del C.A.I. e saperne di più

potete cliccare sul sito web www.caidelgolfo.it o scrivere all’e-mail info@caidelgolfo.it.

 

per raggiungere la grotta bisogna arrampicarsi su una parete

attraverso i secoli la goccia forma stalattiti e stalagmiti

 

la bocca dello squalo

 
dentro la grotta

 

pareti brillanti e suggestive

il team di speleologi e simpatizzanti con cui abbiamo realizzato questa uscita

LINK: SE NE PARLA ANCHE SULLA RIVISTA DI RADIO ALCAMO "RAC NOTIZIE"

E SU AGORAVOX, AL LINK http://www.agoravox.it/spip.php?page=article&id_article=8896

 

Annunci

Pubblicato 6 settembre 2009 da fabiobarbera in Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: