Ferragosto di divieti a Castellammare del Golfo? I giovani reagiscono così.   1 comment

 

divieto d’estate: A C/Mare proteste in spiaggia

per il divieto di fare i falò!!!
 
 
Un modo sicuramente curioso, ironico e simpatico per protestare contro la raffica di ordinanze che hanno investito Castellammare del Golfo, ridente cittadina turistica e costiera del trapanese, nel periodo di Ferragosto. Sembra diventata una vera e propria prassi quella di fare ordinanze che vietano la qualsiasi, pochissimi giorni prima di ciò che si vuole regolare, così in barba ad una giusta organizzazione estiva il Comune di Castellammare (e il suo sindaco di centro-destra Marzio Bresciani) ha deciso di emettere un’ordinanza categorica di divieto assoluto di trasporto legna in spiaggia nel periodo legato al Ferragosto. Così il trasporto di legna è divenuto illegale e controllato attraverso l’ausilio delle forze dell’ordine. Una situazione che avrebbe potuto creare sulle ludiche spiagge in festa di Guidaloca e Plaja non poche tensioni. I giovani di Guidaloca invece hanno pensato bene di rendere ridicola l’ordinanza, accendendo un fuoco finto fatto ad arte (grazie all’indispensabile apporto dello scenografo palermitano Ottavio Anania) con carta velina rossa e gialla, un ventilatore che lo facesse fluttuare e una scritta sarcastica che recitava “Astuta sta minchia”. I vigili del fuoco e la guardia forestale ci sono cascati in pieno (mentre vigili urbani e polizia guardavano la situazione dall’alto con inquietante dovizia) e il Comune, si spera, ha capito che in fin dei conti i falò sono solo un momento di assoluto divertimento e rinnovo di una tradizione che in un posto di mare come il golfo trapanese rappresentano un’immancabile appuntamento. Così Castellammare continua a soffrire per colpa di divieti legati alla musica, agli eventi e al divetimento. Una raffica di “NO” che sta via-via smontando l’obiettivo turistico del luogo e trasformando il paese in un mero dormitorio. In seguito alle ordinanze il gruppo ZEP (che si prepara a realizzare l’iniziativa “Per Le Antiche Scale” di cui vi parleremo presto) aveva anche proposto di preparare attraverso sponsorizzazioni private cento bracieri da distribuire nelle spiagge fulcro del ferragosto castellammarese. Il Comune però ha preferito optare per il pugno duro e pagare lo straordinario agli già strapagati vigili urbani per far rispettare un divieto piuttosto grossolano. Una spesa piuttosto inutile per il Comune che avrebbe potuto stanziare un’analoga cifra, invece, per regolare la pulizia delle spiagge l’indomani dell’inevitabile festività.
 

  

  

 
Annunci

Pubblicato 15 agosto 2009 da fabiobarbera in Senza categoria

Una risposta a “Ferragosto di divieti a Castellammare del Golfo? I giovani reagiscono così.

Iscriviti ai commenti con RSS .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: