muore Giuseppe Gatì: il ragazzo che contestò Sgarbi!   Leave a comment

 
muore fulminato il ragazzo che contestò Sgarbi:
e la sicurezza sul posto di lavoro?
 

 
segnalazione pervenutami dal Grillo di Palermo. Ve la giro!

Stamattina Giuseppe Gatì è morto, il ragazzo che contestò Sgarbi. Giuseppe è morto mentre lavorava: era andato a prendere il latte da un pastore ed è morto fulminato mentre apriva il rubinetto della vasca refrigerante del latte. E’ morto dentro una bettola di legno, sporca. Aveva urlato “VIVA CASELLI! VIVA IL POOL ANTIMAFIA!” era stato anche criticato per questo, ma aveva smosso queste acque putride e stagnanti che ci stanno soffocando. Suo padre oggi ha detto, distrutto dal dolore, in lacrime: “Sono sempre stato orgoglioso di mio figlio, anche se a volte ho dovuto rimproverarlo, solo perchè mi preoccupavo per lui. Ma sono orgoglioso di lui per tutto quello che ha fatto”. Giuseppe questo lo sapeva. Anche gli amici che hanno scritto la segnalazione sono orgogliosi di lui anche se non sanno come esprimere il loro dolore se non ricordandolo.

le sue parole:

“E’ arrivato il nostro momento, il momento dei siciliani onesti, che vogliono lottare per un cambiamento vero, contro chi ha ridotto e continua a ridurre la nostra terra in un deserto, abbiamo l’obbligo morale di ribellarci. QUESTA E’ LA MIA TERRA ED IO LA DIFENDO E TU?”

 
 
“Io credo nelle persone…il fatto è che non credo nella maggioranza delle persone, staro’ sempre a mio agio in una minoranza”.
 

  
il video della contestazione di Giuseppe Gatì a Sgarbi: "Viva Caselli, viva il Pool Antimafia. Io difendo la mia terra!".

 
Il problema della sicurezza sul posto di lavoro
non è cosa da poco
 
 

Su un post scritto da Sonia Alfano su Facebook per ricordare Giuseppe Gatì, un ragazzo – Maurizio Vona – scrive:

"…l’Italia pulita ha bisogno di esempi di onestà. Mio padre è stato ammazzato da Renato Armellini, costruttore romano di merda, che faceva lavorare gli operai in cantiere senza impalcature. La vita di mio padre è falsa, dopo 11 anni di processo, 4 milioni di lire a figlio. Eravamo in cinque, e tutti nella merda più nera. Ho letto mesi fà che il valoroso Veltroni ha consegnato alla figlia di questo essere inutile, morto da tempo, la medaglia al valore del padre, "valoroso" imprenditore. Si, di MORTE! Mio fratello, capofamiglia a 18 anni, chiese un PRESTITO di 300 mila lire per la bara di papà. Non venne nemmeno ricevuto da questo "valoroso" imprenditore. Veltroni, fai a fare in culo anche tu, assieme al governo in carica! Onore a Giuseppe!.."

Annunci

Pubblicato 31 gennaio 2009 da fabiobarbera in Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: