disagi e disservizi: benvenuti a Castellammare   1 comment

IN SICILIA TRIONFANO LE DESTRE

A CMARE VINCE BRESCIANI

"E MMO SO CAZZI VOSTRI"

 

Domenica 15 e lunedì 16 si è votaTO a Castellammare del Golfo. Nonostante il consiglio di NON VOTARE LE DESTRE!!! L’epilogo è stato quello previsto e prevedibile: il nuovo sindaco di CMare è Marzio Bresciani (il sindaco che pagava il pizzo). In una situazione gravissima fatta di disservizi, commissariamenti, apparentamenti, volti noti e minestre riscaldate non si trattava più di votare il “meglio” (che non c’è) ma almeno il “meno peggio” e i partiti di destra a Castellammare rappresentano ancora oggi il peggio. Rei di averci portato all’inevitabile commissariamento, grazie ad una politica delinquenziale, ecco cosa hanno fatto quei partiti quando ci hanno governati e cosa faranno nei prossimi mesi prima di riportarci all’ennesimo commissariamento:

 

Balata di Baida: “ci hanno abbandonati!”

 

I disservizi si sono susseguiti in tutti e dieci gli anni. Colpita anche Balata di Baida (che appartiene al Comune di Castellammare del Golfo). I cittadini hanno lamentato un continuo abbandono dell’amministrazione: la nota località del castellammarese si trova sprovvisto di un depuratore funzionante. Ha un centro polivalente enorme e costosissimo (ma chiuso) e un campo di calcio abbandonato.

 

Scopello: crolla Torre Bennistra e mancano le fogne! E il Comune?

 

Anche il borgo di Scopello rimane all’abbandono: La torre d’avvistamento (bene storico, patrimonio della collettività) crolla inesorabilmente sotto il peso del tempo che passa. Ma nessuno fa nulla. In dieci anni di amministrazione di Forza Italia nessun sollecito da parte del comune è partito alla volta della sovrintendenza, rea di aver lasciato disgregarsi un bene storico senza muovere dito! Il piccolo borgo turistico soffre per l’indifferenza dell’amministrazione che dovrebbe, invece, tutelarlo: manca l’intera struttura fognaria, quindi il paese scarica direttamente a mare!

 

 

A Scopello accessi al mare negati  

 

  

 

 

La bellissima costa castellammarese che contorna il piccolo borgo di Scopello, che poteva essere meta più ufficiale di turisti, curiosi e simpatizzanti, vive in realtà e suo malgrado sotto l’alto controllo di alcuni indefiniti proprietari di villini che si godono le bellezze del luogo, deturpandole però con barriere, cancelli e cartelli di divieto. Come se si può porre un limite all’accesso al mare. Non si può, ma si fa: il loro scopo è quello di mantenere quei privilegi conquistati nel tempo che consistono nella gestione di quel territorio da loro occupato, esclusività che verrebbe a mancare qualora qualcuno (finalmente) chiedesse di abbattere quelle barriere che ostruiscono il passaggio verso le fresche acque del nostro mediterraneo

 

 

Enorme edificio (5 piani) lasciato all’abbandono

 

Edificio a 5 piani. Abbandonato da più di dieci anni, era nato come casa popolare ma non si sa perché non è stato mai completato. Diversi anni fa è stato ceduto dall’Istituto Autonomo Case Popolari  al comune di Castellammare per la realizzazione di una mega caserma dei Carabinieri. In un lontano agosto abbiamo intervistato per la rivista di satira Gran Motel l’allora assessore ai lavori pubblici adesso consigliere alla provincia di Trapani, Pietro Russo, che riguardo all’immobile aveva dichiarato: “…il progetto è sul tavolo dell’ufficio tecnico…e il comune ha chiesto da tempo i finanziamenti”. Crediamo che a quest’ora il progetto sarà molto impolverato o meglio sarà stato rinchiuso in un bel cassetto. Intanto del bene non c’è più nulla da fare ed è anche pericoloso per bambini e curiosi che tentano di entrarci.

 

Parco giochi distrutto e pericolante

 

Parco Giochi o quello che ne resta. Costruito a Castellammare da circa dieci anni, completamente distrutto e privo di una minima manutenzione.

 

Edificio lasciato all’abbandono

 

Enorme edificio all’abbandono. I germani Vallone decidono di donare al Comune di Castellammare del Golfo un fondo di loro proprietà, affinché sullo stesso il Comune costruisse una casa protetta per anziani e una casa per portatori di handicap. L’assessorato agli Enti Locali stanzia la somma di  770.000.000 della vecchia valuta per la costruzione della casa protetta. Finiti i lavori dell’edificio, arrivano le attrezzature, ma la stessa notte vengono rubate. Nello stesso anno i fratelli Vallone citano il Comune di Castellammare davanti al tribunale di Trapani perché, per vari motivi, non è stato ultimato il primo edificio, non è stato costruito quello per portatori di handicap e in conclusione invitano il Comune in 30 giorni a ultimare l’edificio per anziani, cercare i fondi per quello per portatori di handicap e iniziare i lavori. In caso contrario rivogliono il terreno indietro, perché non è una vera è propria donazione ma una "mera promessa di donazione" che per il nostro ordinamento giuridico non ha alcun valore.

 

La metanizzazione del paese

 

Castellammare del Golfo ha una centrale del metano e un impianto (ormai ridotto ad un colabrodo) che naturalmente non sono mai entrati in funzione.

 

Niente depuratore, i liquami li scarichiamo a mare

 

 

Il paese del mare scarica i liquami non depurati direttamente a mare. Una bella trovata per un posto definito “a vocazione turistica” che ha, tra l’altro, una riserva naturale a fianco. In più la rete fognaria del paese è incompleta e malconcia. L’acqua in alcuni quartieri arriva a fasi alterne. Alcuni quartieri sono invasi da topi che escono dai tombini. Il caso è stato vagliato anche da Striscia la Notizia che sta lavorando per farne su un servizio.

 

Le strade come una groviera

 

Perdite idriche e fognarie lungo le vie cittadine.

 

L’EAS e le bollette gonfiate

 

 

A CMare il caso delle bollette gonfiate dell’EAS non ha ancora trovato soluzione e il Comune, di certo, non ha aiutato in nessun modo i cittadini a capirne qualcosa. L’EAS (l’Ente Acquedotti Siciliani) ha fatto arrivare, senza un effettivo riscontro nell’erogazione dell’acqua, bollette salatissime con picchi che arrivano anche a 30 mila euro e la minaccia, in caso i cittadini colpiti dalle bollette non pagassero, di interruzione dell’erogazione dell’acqua. Del caso se ne sono occupati gli amici dell’Adiconsum (associazione di tutela dei consumatori) di Trapani e la redazione di Mi Manda Rai Tre che sta studiando il caso per farne una puntata.

 

La stazione ferroviaria! Quale stazione?

 

La stazione di C/Mare del Golfo all’abbandono tra vandali e indolenza: macchinette distrutte, pannelli sradicati, mura ricoperte di inchiostro, scritte e disegni, una percettibile mancanza di cartelli informativi e di panchine dove sostare in attesa del treno. E’ questa la disastrosa situazione in cui si trova la stazione ferroviaria di Castellammare del Golfo. I pendolari  lamentano disservizi dovuti proprio alle condizioni precarie della stazione castellammarese, dove è impossibile obliterare il biglietto ferroviario, né, tantomeno, è possibile stamparlo attraverso la macchinetta automatica, visto che entrambe sono state danneggiate e forzate con atti vandalici di incredibile e immotivata violenza. Naturalmente nessuna risposta da parte del comune al disservizio che si perpetra alla stazione di Castellammare.

 

 

A livello nazionale, poi, le destre stanno dando il peggio di se tra emendamenti, ddl e leggi cucite ad arte per incentivare una politica dell’intolleranza, iniziata già con un accanimento dei media voluto per rappresentare una costante e programmata diffusione del terrore che culminerà con l’approvazione di regole che rasentano la xenofobia e che ci hanno già procurato il monito dell’Unione Europea. La stessa Unione Europea che ci multa quotidianamente perché Rete4 occupa abusivamente uno spazio che appartiene di fatto a Europa7. E la multa la paghiamo noi! Per non parlare poi della creazione di leggi ad hoc per mettere il bavaglio alle indagini rendendo illegali le intercettazioni, proprio mentre il tribunale ha posto sotto indagine Saccà e Berlusconi per lo scandalo Rai e le combine nei TG e a Porta a Porta.

 

Annunci

Pubblicato 12 giugno 2008 da fabiobarbera in Senza categoria

Una risposta a “disagi e disservizi: benvenuti a Castellammare

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. Quanto era bella Castellammare Del Golfo 20 anni fa dove senza nulla ci si divertiva tantissimo.
    Quanto era bello il Mare La Spiaggia Guidaloca Scopello senza un bar dentro il chiosco dove andavamo di notte a suonare cn la chitarra Ke Tempi ^^
    Come e cambiata in peggio per concludere mancavano le gabbiette per i tonni per peggiorar tutto
    Il Mare e\’ piu\’ inquinato sporco puzzolente pieno di meduse Gigantissime  . MI dispiace ma nn verro\’ piu\’ a villeggiare a Castellammare del Golfo 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: