un minorenne perde la vita per le percosse della polizia!   1 comment

 

Novità su caso del ragazzino pestato dalla Polizia

Muore a 16 anni. video choc: il ragazzo a terra

e gli agenti che ridono. 4 poliziotti a processo!

 

 

Tempo fa vi avevo raccontato una serie di casi legati ad una semplice, seppur inquietante domanda: “Cosa succede quando a sbagliare è il duro braccio della giustizia?”. Nell’articolo rispolveravo numerosi aneddoti riguardanti appunto incresciose situazioni legate all’abuso di potere di alcune componenti delle forze dell’ordine. Potete rileggere quell’articolo cliccando sul link http://barberafabio.spaces.live.com/blog/cns!A3B5DFE268B24FF4!275.entry. Ma un caso in particolare, trattato in quell’articolo, è tornato a far discutere dalle colonne dei maggiori quotidiani e telegiornali. Anzi, forse se ne sta davvero cominciando a parlare solo adesso, perché su questa storia fino a pochi giorni fa vigeva il più assoluto riserbo e silenzio. Protagonista suo malgrado, anzi, vittima di questo grottesco ed inquietante caso è Federico Aldrovandi. L’allora sedicenne era di ritorno verso casa in un tranquillo settembre del 2005. Proveniva da un concerto a Ferrara e stava passeggiando, stanco e soddisfatto per la bella serata, per una piazza del luogo in attesa di raggiungere la propria abitazione. Non si sa perché è successo ma è successo: quattro poliziotti in divisa lo hanno raggiunto e picchiato a morte! I genitori distrutti dal dolore ancora non si capacitano della cosa e chiedono giustizia! Giustizia che, forse, sta finalmente per giungere grazie anche ad un video  della scientifica che si aggiunge come elemento di accusa per i quattro agenti Paolo Forlani, Monica Segatto, Enzo Pontani e Luca Pollastri, che rischiano adesso una condanna per omicidio colposo. Il filmato ha toni davvero drammatici, a tratti anche cinici, e mostra il ragazzo esanime a terra, completamente livido e tumefatto, mentre attorno a lui si sente il chiacchiericcio e anche una risata, come se tra i presenti nessuno fosse interessato al fatto che lì, a pochi passi da loro, c’era il corpo di un  ragazzo che era stato ucciso. Parla Patrizia Moretti, la madre della giovane vittima di un sistema che chiede sempre più a gran voce il manganello per le strade (mascherandolo come bisogno di maggiore sicurezza) e che, così facendo, genera mostri: “Federico non ha mai fatto niente di male nella sua vita. Non faceva niente e l’hanno lasciato a terra”. Nel video si vedono le mani e il volto del giovane completamente coperti da lividi, pieni di escoriazioni e tumefatti:  Federico è stato immotivatamente picchiato sulle mani con forza e, secondo alcuni testimoni, ha ripetutamente chiesto aiuto a gran voce. Ma nessuno ha ritenuto opportuno intervenire. I genitori di Federico, distrutti dall’accaduto, comunque non si arrendono e da tempo hanno aperto un blog per raccontare questa triste storia, magari per far si che nessun altro ragazzo si trovi a dover subire lo stesso trattamento. Il blog dove si può intervenire, saperne di più e informarsi su nuovi sviluppi legati alla vicenda è www.federicoaldrovandi.blog.kataweb.it. Andateci, cliccateci, diffondete la storia. Per non dimenticare!

 

CLICCANDO SUI VIDEO

 POTETE VEDERE IL FILMATO CHOC SU FEDERICO ALDROVANDI TRASMESSO

DA RAI TRE, ALL’INTERNO DI CHI L’HA VISTO.

 

    

 

    

 

SE NON RIESCI A VEDERE BENE LE IMMAGINI O PER QUALUNQUE RAGIONE SALTA O VA A SCATTI

CLICCA DIRETTAMENTE SUI LINK DI YOU TUBE QUI IN BASSO

 

 http://it.youtube.com/watch?v=C7q9PcmxfPo

http://it.youtube.com/watch?v=5LX8O0yUOPQ

 

DA LEFT AVVENIMENTI:

TORNANO IN SERVIZIO I POLIZIOTTI IMPUTATI

NEL PROCESSO PER L’OMICIDIO DEL GIOVANE FEDERICO.

Si continua a parlare dello scandaloso caso di Federico Aldrovandi, morto sotto le percosse delle forze dell’ordine. Sul blog della madre di Federico si legge che sono tornati in servizio sulle volanti, riprendendo il posto che occupavano la mattina del 25 settembre 2005, quando trovarono il diciottenne vivo e lo lasciarono morto in una pozza di sangue. Ma dalla polizia negano, sostenendo che quando i 4 agenti furono indagati, vennero trasferiti in ufficio e lì sono rimasti, tranne Monica Segatto che ha chiesto il trasferimento alla questura di Padova. "Sono stati visti sulle volanti", spiega la madre di Federico. "Rimane il fatto grave che non sono mai stati sospesi dalla polizia".

 

 DA L’UNITA’

 

VOLEVANO OSCURARE IL SITO CHE RACCONTA

IL CASO DI FEDERICO ALDROVANDI

 

federicoaldrovandi.blog.kataweb.it 

 

  

LINK: altri articoli dove si parla del manganello italiano!

 

Violenze, pestaggi e torture al G8 di Genova

Dopo otto anni arrivano le sentenze

CLICCA SUL LINK PER LEGGERLO

http://barberafabio.spaces.live.com/blog/cns!A3B5DFE268B24FF4!646.entry

Quando la "giustizia" diventa "ingiustizia"

GLI ERRORI DEL DURO BRACCIO DELLA LEGGE

CLICCA SUL LINK PER LEGGERLO

http://barberafabio.spaces.live.com/blog/cns!A3B5DFE268B24FF4!275.entry  

Annunci

Pubblicato 12 febbraio 2008 da fabiobarbera in Senza categoria

Una risposta a “un minorenne perde la vita per le percosse della polizia!

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. non riesci nemmeno a provare ad immaginare kosa possa provare kuella povera madre….. nel vedere immagini kosi strazianti ..ma ke sopratutto riguardano il proprio figlio…è assurdo…..!!!!!!
    assurdo ke un uomo oggi non si possa piu\’ fidare nemmeno della giustizia…!!!!!!!!!! non esistono piu\’ valori ormai…. la societa\’ è del tutto degenerata……….. poveri noi!! e maledetti no!!! perke\’ siamo noi la societa\’….e siamo noi ad esserne anke vittime!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...